venerdì 27 novembre 2009

LO SCENARIO DEL COLLASSO GLOBALE (SECONDA PARTE)

La malattia che ha colpito negli ultimi due decenni il Giappone esportata negli USA rischia di diventare una polmonite mortale. Il carry-trade verso il Dollaro ed il Quantitative Easing necessari per il sostegno dei mercati azionari stanno dissanguando l’economia reale nella più colossale rapina di risorse pubbliche mai fatta nella storia. Infatti, a differenza dell’economia manifatturiera basata sulle esportazioni del Giappone, per gli USA il carry-trade non implica alcun particolare miglioramento per il Deficit strutturale ma, viceversa, causando un indebolimento del Dollaro, determina sempre maggiori difficoltà a sostenere il Debito Pubblico in esponenziale aumento. La crisi sistemica, pur avendo come punto di partenza gli USA, si sta propagando come una pandemia mortale creando forti oscillazioni in tutte le economie.
Talvolta si crede che la goccia che farà traboccare il vaso debba essere a stelle e strisce, ma questo teorema non è affatto dimostrato. Finché i consumatori USA si sono indebitati ed hanno potuto estrarre denaro dagli immobili (trasformate in vere miniere d’oro) hanno trascinato a forza l’intera economia mondiale consentendo di nascondere le deficienze strutturali degli altri paesi. Ma la festa è finita e la crepa che farà crollare la diga potrà essere venire da diversi punti: innanzitutto dallo stesso Giappone.
Ho infatti l’impressione che, focalizzando l’attenzione sugli USA si stia sottovalutando la crisi nipponica. Il Giappone è riuscito a galleggiare negli ultimi due decenni in virtù del carry-trade che ha indebolito lo Yen ed ha nel contempo garantito forti esportazioni dell’industria. Ma il processo di carry-trade ha funzionato soltanto allorché vi era la possibilità di creare un gradiente di rendimento nei confronti di altre valute. Ma il gradiente in quest’ultimo anno si è repentinamente ridotto poiché tutti i tassi si sono praticamente ridotti a zero, come rivela la seguente figura:

Diminuendo il differenziale sui tassi il carry-trade si è spostato verso il Dollaro (guidato da mani per necessità in questa transumanza) ed il flusso di energia monetaria conseguente ha enfatizzato le debolezze strutturali del Giappone trasformando l’economia giapponese in uno stagno putrefatto. Guardate la fotografia del Giappone scattata dall’OECD Economic Outlook nella quale viene evidenziata un calo del 25% delle esportazioni:

Vi consiglio di non prestare particolare fede alle previsioni per gli anni futuri. Stiamo attraversando una terra sconosciuta nell’attuale crisi economica sistemica. Fare previsioni con i modelli econometrici a disposizione nel contesto esistente è come estrapolare la viscosità dell’acqua allo stato liquido 120°…peccato che lo stato liquido non esista oltre i 100°. In altre parole allo stato attuale ogni previsione ha la medesima attendibilità scientifica di quanto dice il mago Otelma.
Il rapporto Debito/PIL giapponese è in rapido aumento (non solo per la diminuzione del PIL ma anche per le spese sociali concernenti il rapido invecchiamento della popolazione) ed Il Fondo Monetario (che in generale è tra l’altro piuttosto ottimista) stima che il debito pubblico arriverà a quota 218% sul Pil quest'anno, 230% l'anno prossimo e quasi il 250% nel 2014 (qui le previsioni le prendo come sogno pieno di ottimismo). Carl Weinberg della High Frequency Economics ha esplicitamente detto "The debt situation is irrecoverable..I don't see any orderly way out of this…It is criminally negligent that rating agencies are not blowing the whistle on this...".. praticamente il Giappone è in Default malgrado vi sia un silenzio assordante.
Taluni eventi hanno un forte significato simbolico. In questa fase di rapido declino del Sol Levante è diventato premier Yukio Hatoyama del partito democratico (partito piuttosto propenso alla spesa) la cui moglie è Miyuki Hatoyama. La suddetta è un personaggio alquanto originale che ha affermato di cibarsi di sole a colazione e di essere stata rapita dagli alieni. Ha esplicitamente dichiarato: ”Mi dà un'enorme energia... e anche mio marito ha cominciato a mangiare il sole di recente”..che dire.. speriamo che il Sol Levante non venga completamente divorato e, tramontando, faccia piombare nel buio l’intera economia mondiale.

14 commenti:

  1. Complimenti veramente..
    i suoi post sono molto gradevoli e scritti, fermo restando la competenza tecnica, pure in modo brillante. Sono diventato un suo assiduo lettore
    Filippo- Roma

    RispondiElimina
  2. In questo scenario molto pessimista è possibile scorgere qualche via d'uscita, qualche soluzione ?
    Cosa deve fare un risparmiatore con il suo piccolo gruzzoletto ?

    Marco - Pisa

    RispondiElimina
  3. La politica che stà attuando il premier giapponese Hatoyama non è per nulla di sperpero, anzi, stà tagliando a più non posso le spese facendo rimpiangere a molti la passata amministrazione Giminto.
    La moglie poi, non è così sciocca come la si vorrebbe far passare,malgrado alcune stupidaggini dette!!...Non si fermi pertanto a quello che i soliti giornalai blaterano!!
    Malgrado questa "pagliuzza" vorrei complimentarmi per le Sue analisi sino ad ora pubblicate
    Luigi

    RispondiElimina
  4. complimenti per gli articoli che ci trovano d'accordo e sono in sintonia con i nostri (http://www.petsalvatore.blogspot.com). abbiamo deciso di fare un post per segnalare il suo blog, di solito non siamo soliti farlo.

    RispondiElimina
  5. Riporto una frase:

    "per gli USA il carry-trade non implica alcun particolare miglioramento per il Deficit strutturale ma, viceversa, causando un indebolimento del Dollaro, determina sempre maggiori difficoltà a sostenere il Debito Pubblico in esponenziale aumento"

    Me la potrebbe spiegare con parole più semplici ?
    (scusate l'ignoranza)

    RispondiElimina
  6. ****************************
    A Filippo-----
    Grazie mille per la gentilezza
    **************************
    A Marco------
    Non oso dare consigli. Cercherò fra poco di dedicarmi alla parte costruens ed a dare alcuni tentativi di consigli per poterne uscire in maniera non apocalittica(tanto nessuno mi ascolterà). Ma ancora la parte destruens è in fieri.
    ***********************************
    A Luigi---
    Grazie per la critica costruttiva. In realtà le affermazioni bizzarre mi servivano per dare una conclusione poetica al mio post. E' il mio carattere...
    *************************
    A Pet salvatore...
    Bontà sua. Grazie anche a lei. Sto nel tempo libero(che non è molto) sviluppando alcune ricerche che reputo belline. Le anticipo che dai dati della FED sto ricavando informazioni molto interessanti. Qualsiasi Suo(Vostro)commento è particolarmente gradito. Non ho ancora visto il Suo blog, ma mi collegherò appena finito di rispondere.
    *************************************
    Per Anonimo.
    Ha ragione Lei, talvolta rischio di esprimermi in modo un pò troppo tecnico che diviene quasi esoterico. Con il carry-trade il dollaro si indebolisce. Che interesse hanno gli investitori esteri a comprare qualcosa (ossia i Titoli di Stato USA) che perde valore? Insomma, lei comprerebbe mai qualcosa per investimento che sa che perde valore?.
    Spero sia stato chiaro
    ***************************************
    Vi saluto tutti con affetto e vi auguro una Santa Domenica

    RispondiElimina
  7. Complimenti per i post, sono originali e ben scritti. Solo una nota: l'acqua a 120°C può essere liquida.

    RispondiElimina
  8. Gentile anonimo..sono un Fisico...mi perdoni lo so..intendevo ovviamente a pressione atmosferica. Oh..non vi sfugge nulla? Ben mi sta, talvolta sono troppo precipitoso.Grazie mille.

    RispondiElimina
  9. voglio dire nel mio blog io non scrivo niente
    mi limito solo a fare una raccolta di blog.
    ho inserito anche il tuo.
    saluti

    RispondiElimina
  10. Ottima analisi, sei nei preferiti del mio blog

    Questa settima ho parlato di un problema a noi più vicino: la Grecia
    se vuoi dare un occhio
    www.borsadocchiaperti.blogspot.com

    RispondiElimina
  11. Ringrazio serbuo per l'ottimo servizio di rassegna stampa e mi complimento con il bel blog di hawk. Entrambi i siti saranno aggiunti ai preferiti. Con grande affetto

    RispondiElimina
  12. una domanda vorrei fare al prof. "e latinoamerica come cade in questa crisi, perche finora o soltanto letto (in diversi blog forum, siti web ecc.)e riletto panorami piu o meno bui, a livello europeo usa giappone cina iran rusia ecc., e per cosi dire "globale" pero di preciso a latinoamerica non si la pronuncia o paura che si dovese tutto andarsene a la m.....a parlando in modo grossolano in un secondo momento sudamerica sara uno bell ring per vedere chi si frega le risorse, che succede gia da un pezzo (dico questo perche è obvio che il problema futuro sono le risorse naturali, non solo petroleo) grazie.

    chiedo scusa per li errori ortografici e se ho mischiato concetti aviate paziensa, solo voglio capire (ma a la fine tutto è collegatoe tutto ha a che fare con l'intorno)

    RispondiElimina
  13. GRAZIE PER AVER RISPOSTO

    RispondiElimina