lunedì 1 febbraio 2010

I SAGGI DELLA MONTAGNA INCANTATA

In questi giorni Davos, magnifica cittadina grigionese che Tremonti ha definito “montagna incantata”, ospita il World Economic Forum. In un laico conclave sono riuniti i potenti dell’economia mondiale per effettuare una corretta diagnosi dei problemi attuali ed individuare la strategia d’uscita che ci porti verso il ritorno al progresso economico in cui splenda, più luminoso che mai, il sol dell’avvenire (..già ho il groppo in gola per l’emozione).


Naturalmente per l’intelligenza e la lucida capacità di analisi brillano Dominique Strauss-Kahn (Direttore del Fondo Monetario Internazionale, istituzione alla quale si rivolgono i paesi con gravi difficoltà finanziarie ricevendo generosi quanto disinteressati aiuti…chiedetelo all'Islanda ed alla Leottonia, praticamente come affidarsi alle locuste per proteggere una piantagione), Jean-Claude-Trichet (Governatore della BCE, già noto per il perfetto timing con cui ha mosso i tassi d’interesse all’inizio della crisi, che ieri ha dato dimostrazione del suo acume affermando che urgono “soluzioni globali”.. mentre noi credevamo che tutto potesse risolversi nelle assemblee di condominio) ed il nostro Mario Draghi (in doppia veste di Governatore della Banca d’Italia e di Presidente del Financial Stability Forum; esimi giornalisti italiani sostengono sia portatore di un valore aggiunto perché ha lavorato per la Goldman Sachs e quindi conosce le banche d’affari dall’interno..come dire che Totò Riina è giusto che divenga Capo della Polizia perché comprende i meccanismi della mafia come nessun altro).
Nel firmamento degli astri di Davos brillano di luce propria (noi siamo notoriamente per la corretta affermazione dei meriti) le geniali dichiarazioni di Larry Summers, capo del National Economic Council di Obama, il quale ha chiarito che:”..l’ultima crisi è stata cosi’ severa che necessita di un intervento radicale”..sicuramente sarà soltanto un omonimo il Larry Summers che nel 2001, da Segretario al Tesoro dell’amministrazione Clinton, fu l’artefice dell’abolizione del Glass-Stegall Act (magari mentre Clinton familiarizzava con le stagiste), ossia della legge che separava rigidamente le attività delle banche commerciali da quelle delle banche d’affari.
Come riportato dal Financial Times, tra le altre cose, i saggi della montagna incantata hanno avanzato la proposta di istituire una “tassa globale” onde generare un meccanismo in grado di gestire il fallimento di istituzioni “too big to fail”. Sembra che vi sia, invece, qualche piccolo disaccordo su chi debba contribuire al pagamento di tale tassa, se le banche oppure gli Stati (i quali, notoriamente, non hanno sostenuto alcun costo per la crisi e pertanto presentano floridi bilanci)..non si può neanche escludere che alla fine i banchieri della Goldman Sachs, quelli che sostengono di lavorare per Dio, vadano a chiedere un piccolo obolo anche ai profughi di Haiti.
Per quanto mi riguarda dormo tra due guanciali; non c’è di nulla di più rassicurante che vi siano persone serie, oneste e capaci a risolvere i problemi. D’altro canto la teoria della probabilità è dalla nostra parte: se persino l’orologio fermo due volte al giorno indica l’ora corretta, prima o poi anche la compagnia dei Gianburrasca dovrà indovinare qualcosa.

12 commenti:

  1. Il Fabianesimo e la Finestra dell'inganno
    http://santaruina.splinder.com/post/22005427/Il+Fabianesimo+e+la+Finestra+d

    RispondiElimina
  2. E quà mi ha deluso per davero. Non ha considerato che l'orolgio in ritardo l'ora giuusta non la segna mai.

    RispondiElimina
  3. Caro alef,
    non mi crederà, ma giuro che ci avevo pensato alla sua battuta...ma in ritardo EH EH.

    RispondiElimina
  4. quando prenderà la parola il nostro mitico condottiero Trichet , dirà: " che la cosa più importante è la stabilità dei prezzi " !
    Scusate non siete contenti che l'inflazione è sotto controllo?

    RispondiElimina
  5. E se sti quattro zozzoni facessero apposta
    e non perchè sono stupidi?

    RispondiElimina
  6. Solo se automatco e perpetuo
    :)

    RispondiElimina
  7. Carissimo Sig. Zingales, la leggo con moltissimo piacere da diverso tempo ma devo dire che ... "Toto' Riina a capo della polizia perche' comprende i meccanismi della mafia come nessun altro ..." riferendosi al connubio Draghi /Goldman&Sachs è una espressione che mi ha fatto venire le lacrime agli occhi dal ridere !
    Di nuovo complimenti , oltre a scrivere articoli eccellenti , li condisce con una vena di ironia superlativa!
    Per favore, continui a mantenere vivo questo eccellente sito!
    Penso di non essere il solo ad attendere con ansia il suo prossimo post.
    Di nuovo sinceri complimenti!

    RispondiElimina
  8. Li aspetto anche io con grande piacere i suoi post.
    E grazie per il sorriso che mi ha strappato con questo pezzo.

    CC

    RispondiElimina
  9. Grande articolo, mi associo pure io, che seguo da poco il sito "da fuori" per incapacità a intervenire. Veramente bravo!
    Giacomo

    RispondiElimina
  10. Ora anche la Spagna mette a rischio il futuro dell’Ue
    Mauro Bottarelli

    http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2010/2/3/FINANZA-Ora-anche-la-Spagna-mette-a-rischio-il-futuro-dell-Ue/64823/

    RispondiElimina
  11. La guerra è pace, la libertà è schiavitù, l’ignoranza è forza e l'indebitamento è la ripresa.
    http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=print&sid=6507

    RispondiElimina
  12. Leggo con pacere gli articoli di Bottarelli. Avrei bisogno di comunicare con lui. Non ho capito se mi abbia scritto lui o un altro lettore che citava il suo ultimo articolo. Perfavore che qualcuno mi mandi il suo indirizzo e-mail in economiaincrisi@gmail.com

    P.S. Grazie a tutti per i complimenti, ma mi diverto. Il modo migliore per osteggiare l'arroganza dei potenti è l'ironia.

    RispondiElimina