lunedì 22 febbraio 2010

SIAMO IN UNA BOTTE DI FERRO

I miei articoli critici sulla fondazione e sullo sviluppo del sistema Euro sono stati vibranti ed appassionati, ma mi reputo una persona onesta. So riconoscere quando commetto errori di valutazione. Avevo sottovalutato l’importanza ed il ruolo della Commissione Europea. Essa vigila, guida, regola e dirige: nulla sfugge al suo occhio sveglio e scrutatore. In occasione del varo del disciplinare di specialità tradizionale garantita (Stg) contro imitazioni e falsi la Commissione Europea ha messo sotto il suo controllo la pizza napoletana..cosa sacrosanta, diremmo tutti noi fieri ed orgogliosi di essere governati da saggi uomini che uniscono l’azione al pensiero.
Ma chi norma deve essere preciso e Bruxelles non ci ha sicuramente deluso stabilendo che la pizza deve “avere un diametro non superiore ai 35 cm, il bordo rialzato (cornicione) tra 1 e 2 cm e una consistenza insieme morbida, elastica e facilmente piegabile a libretto…il pomodoro deve essere sparso a spirale”.


Mentre il sistema Euro è sotto concentrico attacco in una lotta all’ultimo sangue tra le valute, mentre siamo avvolti in una crisi economica, la Commissione non si tira certo indietro. Di fronte al grande falso in bilancio della Grecia con swaps sottoscritti con la gentile e disinteressata collaborazione di Goldman Sachs (ma il nostro Mario Draghi ha subito precisato che non c’entrava affatto…non capisco perché abbia sentito l’urgenza di tale puntualizzazione visto che tutti saremmo pronti a mettere la mano sul fuoco sulla sua integrità), la Commissione Europea si è messa alacremente all’opera, senza trascurare alcun indizio.
Intere legioni di controllori, come ingannabili segugi, si sono infatti disperse tra ristoranti e pizzerie con metro a seguito per verificare che le norme non vengano disattese. Come novelli Poirot si sono mossi furtivamente tra tavoli e panche piegando le pizze presenti per verificarne l’elasticità di fronte ad ignari clienti (si racconta alcuni particolarmente adirati..purtroppo il popolo non coadiuva). Ma i primi risultati non mancano certo: già i primi truffaldini che contrabbandavano per pizze alcuni oggetti rotondi con sopra pomodoro e mozzarella ma di diametro di ben 36 cm, sono stati messi alla gogna, sono stati sottoposti alla meritata berlina di fronte agli onesti.
Ma non si fermano certo qui, ormai il sentiero è tracciato. Altri interventi che ci conducano fuori dalla stagnazione economica sono previsti: bisogna regolamentare la lunghezza dei pungiglioni delle api (onde evitare di confondere le api con le zanzare) ed il numero di capelli massimi per poter parlare di calvi. Per quanto concerne le teste pelate nessun problema; gira però la notizia che le api (..che ingrati insetti) non sembrano disposte a collaborare con i vigili investigatori mandati da Bruxelles.

11 commenti:

  1. Finalmente una buona notizia!!!!!!

    Grazie per avercela data!!!

    CC

    RispondiElimina
  2. @Zingales

    Draghi ha sentito il bisogno di smentire, perchè numerosi media internazionali e blogger che contano (Simon Johnson p.e.) l'hanno tirato pesantemente in ballo, ponendogli domande imbarazzanti sul suo ruolo.
    Ovviamente il tutto è sfuggito ai nostri attentissimi media.

    spike

    RispondiElimina
  3. Perbacco, si dovrebbe brevettare un normografo per pizze napoletane!
    Ernesto

    RispondiElimina
  4. ..brillante come al solito dott.zingales
    Filippo,Milano

    RispondiElimina
  5. Dott. Zingales, le crisi succedono perché la ricchezza si sottrae dalle mani di tanti e si ridistribuisce nelle mani di pochi, giusto? Si potrebbe mettere un limite a questo fenomeno? .... Se è giusto il concetto, come si potrebbe ridistribuire nuovamente la ricchezza nelle mani di tanti? Penso che quella fino ad oggi creata rimarrà permanentemente acquisita nelle mani dei forti poteri. Forse l'unica speranza che ci rimane é per quella nuova che eventulmente si produrrà in futuro. So che sono discorsi da incompetente, ma ci azzeccano qualcosa? Grazie di un Suo riscontro. Lello

    RispondiElimina
  6. GEAB 42 - tre tendenze fondamentali che aggraveranno la crisi nel 2010 - parte II

    http://informazionescorretta.blogspot.com/2010/02/geab-42-tre-tendenze-fondamentali-che.html


    M

    RispondiElimina
  7. Caro Lello,
    sulle questioni da Lei poste si sono da secoli dibattuti filosofi ed economisti. Non posso risolvere il problema in due righe. E' certo che è intollerabile, da uomo di Fede come io sono, una distribuzione di ricchezze fortemente asimmetrica e basata sullo sfruttamento degli altri. Da un punto di vista termodinamico le asimmetrie sono necessarie, ma le discontinuità sono drammatiche.

    RispondiElimina
  8. Per Ernesto (che dalla parola perbacco capisco essere il mio caro amico)...
    non ti preoccupare, qualsiasi sia il requisito stabilito dalle teste pensanti della Commissione Europea, tu risulterai sempre testa pelata

    RispondiElimina
  9. Per Spike,
    lo sapevo..lo sapevo..era solo una battuta

    RispondiElimina
  10. Il Presidente degli europei
    http://santaruina.splinder.com/post/22323366/Il+Presidente+degli+europei

    RispondiElimina
  11. Il piano di Francia e Germania per dominare l’Ue passa dalla Grecia
    Mauro Bottarelli
    http://www.ilsussidiario.net/News/Economia-e-Finanza/2010/3/2/FINANZA-Il-piano-di-Francia-e-Germania-per-dominare-l-Ue-passa-dalla-Grecia/70113/

    RispondiElimina