domenica 20 giugno 2010

IL PIFFERAIO MAGICO

Il principe di questo mondo è menzognero ed omicida fin dalle origini. Tramite le bugie seminate dai suoi servi ha raccolto la propria messe di pesci inebetiti con l’inganno: ora sta alzando le reti per una pesca che si promette essere copiosa.
L’uomo, completamente asservito al denaro e con la coscienza assopita, prima è stato addormentato e poi ubriacato. Il veleno è stato coperto da una capsula di miele, ma il gusto di mandorla si avverte sempre di più.
Strumenti di distruzione di massa sono stati creati di proposito: derivati, prodotti strutturati, banche d’affari. Come piovre, con i propri forti tentacoli, hanno stritolato l’economia reale fino a renderla esangue. Il cappio è stato stretto con crudele cattiveria, ma ormai l’ultimo respiro si avvicina: il pugnale è pronto ad essere addentrato per annullare ogni timida resistenza.

Gli uomini grigi, fedeli accoliti del grande impostore, in un’orgia di piacere e di sfrenate ambizioni, si stanno prodigando, con crescente ferocia, in speculazioni che, come putridi miasmi, diffondono povertà e demoliscono l’umanità.
Tutto quanto coperto e giustificato da accademici, tristi omuncoli asserviti a teorie della dissoluzione. Con la medesima arroganza con la quale hanno seminato la zizzania, stanno raccogliendo con vanitosa soddisfazione il propagarsi della distruzione. I marinai della barca delle impurità hanno raggiunto tutti i posti di potere: la scimmia sulfurea ha sempre distribuito onori e glorie terrene ai suoi seguaci. Farebbe ben altro per strappare le anime a Colui che ha versato il proprio sangue per la Redenzione.
Il pifferaio magico ha suonato la danza della morte: tramite la menzogna ha trasformato l’orribile canto in un suadente e soave suono incantatore che ha pervertito i sensi. Gli uomini, trasformati in animali e guidati dagli istinti di potere, in moltitudini hanno seguito il canto delle sirene: ora il burrone è vicino e le prime fila iniziano già a precipitare tra grida di dolore ed urla di disperazione.
Evitate di pensare alla salvaguardia dei vostri risparmi: si avvicinano tempi in cui qualcosa di molto più importante è in gioco. Non ci si può nascondere per la salvaguardia del quieto vivere, non è il tempo delle talpe: i figli della verità si scontrano con i figli della menzogna. Gli schieramenti si stanno spiegando: la battaglia cruciale si avvicina.
I figli della luce non abbiano alcuna paura. Nel cielo vi è una stella che brilla squarciando l’oscurità della notte dello spirito: basta preservare Fede, Speranza e Carità rivolgendo lo sguardo orante verso le colline di Medjugorje. Le armi della Regina della Pace sono invincibili: umiltà, digiuno e preghiera.


P.S. Il post è nato discutendo, in perfetto accordo di idee, con Pasquale Pizzimenti (anch’ egli Docente di ruolo di Matematica e Fisica) che frequenta con me il Dottorato di Ricerca in Matematica presso l’Università di Messina.

25 commenti:

  1. dottor zingales concordo con lei quando parla di preservare Fede, Speranza e Carità ma oltre a questo riesce a vedere una soluzione sempre seguendo le leggi della fisica che ci possano dare una mano. io oltre la fede ( che non ho ) la speranza e la carità aggiungerei anche la condivisione e la cooperazione.
    cordiali saluti
    nello mainente

    RispondiElimina
  2. mediuogore ? mi ha dato sempre l'idea di una caricatura
    troppi " profeti" .. troppe " profezie" troppo " materialismo "

    ws

    RispondiElimina
  3. Grazie. Condivido in pieno.
    E chissenefrega di tutti i sapientoni che si permetteranno di criticare: vuol dire che hanno già mangiato la polpetta avvelenata.
    Che Dio ti benedica.
    Giacomo

    RispondiElimina
  4. Parole azzeccate , ma come tutti gli uomini noi "vediamo solo cio' che vogliamo vedere" e tacciamo ogni altra cosa come fantasia , superstizione , visioni , allucinazioni ...paradossalmente dimenticandoci che poichè le possiamo classificare esse fanno parte sicuramente della realtà...una realtà diversa dalla materia...Tutti vedono con due occhi ma ben pochi con tre...

    Ain

    RispondiElimina
  5. Cari amici,mi spiace che abbiate passato un pessimo sabato,"forse anche nel peccato".
    Ad una domenica purificatrice ,certamente più consona,avete optato per il pifferaio di Hamelin e per l'allegoria biblica filosofica,cercando di condurci senza pietà e speranza verso l'Armageddon.Sarò sincero preferisco il concetto di "methorios" di Filone di Alessandria
    un caro saluto e augurio di "redenzione"

    RispondiElimina
  6. Si può spegnere ogni tanto il pensiero
    Smettere almeno di crederci per davvero
    E non essere più schiavi per lo meno
    Di un'idea come di un'altra, di un mistero

    Sembra che non sia possibile dimenticarsi di sé
    e giudicandoci ognuno con gli altri
    convincersi che
    Se non lo sai

    Buoni o cattivi
    non è la fine
    Prima c'è il giusto o sbagliato
    da sopportare

    Si può spegnere ogni tanto il cervello
    smettere almeno di usare solo quello
    si può far finta che non ci sia niente
    anche quando ti tremano le gambe

    Sembra che non sia possibile dimenticarsi di sé
    e giudicandoci ognuno diversi
    convincersi che
    Se non lo sai

    Buoni o cattivi
    non è la fine
    Prima c'è il giusto o sbagliato
    da sopportare...

    ...che di per sé è maledetto
    perché divide
    mentre qui tutto
    dovrebbe solo unire

    RispondiElimina
  7. Sinceramente trovo difficile non pensare alla salvaguardia dei risparmi avendo 2 gemellini di 9 mesi.
    L'istinto di sopravvivenza e l'amore per i figli prevale sulla rassegnazione.
    Angelica.

    RispondiElimina
  8. Carissimo professor Zingales, la seguo da un pò di tempo con molto interesse, soprattutto per l'idea che io reputo interessante (anche se non del tutto originale) , di applicare la fisica allo studio del economia. Leggendo il suo ultimo post, però, sono rimasto sconcertato sia dai toni esageratamente escatologici, sia dal riferimento alle apparizioni mariane di Medugorje.
    Sui primi non voglio commentare, perchè ognuno ha la propria opinione e le proprie credenze, ma su Medugorje vorrei soffermarmi un attimo.
    Le dico che apprezzo i suoi precedenti riferimenti alla fede cristiana, quello che mi stupisce in particolare è che un uomo come lei, credo innamorato della logica e della scienza possa, non dico credere, perchè è libero di farlo, ma di far riferimento ad un fenomeno come quello in questione, dubbio, contraddittorio e non ancora approvato dalla Chiesa.
    Essendo lei un uomo di scienza, e non, di conseguenza, un credulone, la invito a documentarsi consultando il sito del professor Marco Corvaglia http://www.marcocorvaglia.typepad.com/ dove non troverà solo risposte ma fatti, documenti e verità supportate da testimonianze reali e non le leggende che raccontano a Medugorje (al più false o omertose).
    Invito i Cristiani (tra cui io) a documentarsi e a non farsi fregare.
    Grazie

    RispondiElimina
  9. Gentile R@B,
    le obiezioni di Corvaglia sono note e sono state contraddette da numerosi illustri scienziati, medici che hanno esaminato i veggenti (ad es. Philip Loron o Henry Joyeaux, ma ve ne sono decine).
    Se mi consente, mi fido molto di più delle opinioni di Giovanni Paolo Secondo il quale, come risulta da dichiarazioni riportate dai più fedeli collaboratori, ha esplicitamente detto che, se non fosse stato Papa, si sarebbe recato a Medjugorje.
    Sono abituato a distinguere la bontà degli alberi dai frutti che producono: in questo caso i frutti sono profumati e numerosissimi.
    Con affetto

    RispondiElimina
  10. Caro Leon
    le tue preziose analisi e interpretazioni finanziarie, come d'altronde quelle di Mazzalai, attribuiscono in ultima fase la responsabilità della crisi sistemica all'indifferenza dell'uomo contemporaneo per il discorso ontologico.
    Senza fede, senza Dio non c'è etica e senza etica i comportamenti deviati dell'uomo conducono alla deriva.
    All'uomo non resta che riaprire il cuore per una parola da troppo tempo inascoltata.
    Eppure a mio avviso in questo tipo di approccio sfugge completamente il senso di ciò che accade.
    La causa della crisi non è nelle forze del male (eminenze grigie) che con tracotanza approfittano dei loro privilegi, ma nella debolezza del discorso ontologico che è tramontato prima ancora del crollo delle ideologie.
    I "figli della verità" non hanno la verità ma la fede, per cui se presumono con la fede di essere nel vero, mentono. Sono quindi anch'essi "figli della menzogna". Mentre i figli del paradigma tecnico-scientifico pur non avendo una verità stabile e definitiva hanno una forma di conoscenza, ipotetico-sperimentale, che li rende più forte credibili e autorevoli. A loro non interessa la verità ma il principio della funzionalità e della verificazione. I richiami all'etica e alla fede, per chi ha come fine la produzione e il consumo, altrono non sono che lamenti ancestrali di una cultura ormai passata.
    Quelli che chiami figli della menzogna in realtà sono i figli di un illusione che lentamente sta svelando le sue contraddizioni. La contraddizione sta nel non aver capito che con il paradigma tecnico-scientifico l'uomo occidentale, credendo di utilizzare la tecnica come mezzo in vista del proprio benessere, in realtà si è trovata ad essere il mezzo, lo strumento, nelle mani di volano produttivo che ha come fine la produzione di ricchezza. Per questo motivo l'uomo non controlla questa crisi, perchè non la capisce.
    Queste contraddizioni, una volta superate, metteranno a tacere la tracotanza e il delirio d'onnipotenza dell'uomo prometeico ma anche queste suggestive visioni biblico-escatologiche.
    Questa crisi consegnerà all'uomo un minimo di consapevolezza in più e un bel po' di meritata serenità terrena.
    Con affetto
    pierluigi grasso

    RispondiElimina
  11. ottimo post.
    I potenti pianificano e si prodigano per attuare i lori piani malvagi, senza tener conto della realtà soprannaturale a cui non credono.
    I credenti devono confidare nell'intervento divino imprevedibile e straordinario, come quello descritto nel racconto biblico della torre di Babele, metafora della resurrezione di Cristo, altro evento imprevedibile e straordinario.

    Un saluto a tutti.
    Tridens.

    RispondiElimina
  12. Gentile professor Zingales,
    la ringrazio prima di tutto per la sua risposta.
    Mi permetto di risponderle ulteriormente, anche se non voglio creare in questo blog un dibattito su questo tema, che non credo sarebbe gradito nemmeno a lei.
    Per quanto riguarda gli esami svolti dal dottor Henry Joyeux, nel sito di Corvaglia, troverà ampia documentazione su come tali esami non siano assolutamente comprovanti di nessun fenomeno sopranaturale, in particolare possiamo dire che di tali prove vengono per lo più citate le solo conclusioni, non vengono mai analizzati e messi in discussione i risultati e soprattutto non viene mai dato il giusto peso al background culturale (credenti e con propensione a credere a tali fenomeni) dei medici impegnati in tali esami.
    Ma la invito, per completezza a leggere il pdf di 66 pagine scaricabile liberamente dal sito del Corvaglia.
    Per quanto riguarda Giovanni Paolo II, è noto che alcuni collaboratori abbiano, anche se non in maniera continuativa, detto che il Santo Padre era favorevole a Medugorje. Di sicuro però le posso dire che non esiste nessuna prova concreta che ciò sia vero.
    Lei a questo punto, potrebbe obbiettare chiedendo il perchè queste persone dovrebbero sostenere una cosa non vera, le rispondo, se me lo concede con un pò di ironia, per rispondersi applichi un pò di fisica basilare all'economia.
    Infine, lei parla di frutti, le posso dire, che ci sono molte sette al mondo con milioni di seguaci; si ricordi che per quanto Medugorje sembri del tutto canonica, basta un piccola distorsione per renderla pericolosissima. Anzi in maniera direttamente proporzionale posso dire che più può sembrare canonica più può essere pericolosa.
    Sant'Agostino diceva: “Bonum ex integra causa; malum ex quolibet defecto"

    Detto ciò, non ho la pretesa di convincerla delle mie posizioni, anche perchè da ex Medugoriano, so quanto siano convincenti e quanto sia piacevole stare in quello che è una sorta di parco divertimenti della religione.

    Di positivo c'è che finalmente si è riunita nuovamente la commissione di studio su Medugorje, quindi si spera che la Chiesa prenda una posizione definitiva a breve.

    Continui con il suo ottimo blog, saluti.

    RispondiElimina
  13. Nonostante non sia sorretto dalla Fede sposo in pieno le sue parole ed in particolare l'invito alla preghiera al digiuno ed all'umiltà.
    In qualche modo ringrazio pure l'Onnipotente che mi fa capire con il solo ausilio della ragione quanto siano utili e giusti i precetti che diversamente rivela all'umanità attraverso la Chiesa.
    E' giunto il momento della catarsi della pioggia battente del martirio cui si sottoposero i primi Cristiani.

    RispondiElimina
  14. Caro Leon,
    leggo spesso ma non scrivo mai perchè fondamentalmente sono un lurker ;)

    Volevo tranquillizzarla.
    Se il grande corruttore ha gia spiegato il suo esercito, le forze della Luce da molto tempo ed in modo silenzioso, hanno preso posizione.

    La "chiamata alle armi" negli ultimi 30\40 anni si è fatta più consistente, quotidianamente ci sono stati individui chiamati.La cui vita è stata stravolta e cambiata.

    Talvolta basta vedere una luce per aderire completamente agli obiettivi "del grande capo" ;)

    Noi siamo pronti.

    Saluti,
    uno dei ritornati.

    RispondiElimina
  15. Caro pierluigi,
    rispetto la sua opinione, ma non condivido.
    Continuo a credere nella origine ontologica della crisi che stiamo vivendo. Avrò possibilità in futuro per approfondire questo. Con stima per la lucidità con cui ha esposto le sue idee.

    Leon Zingales

    RispondiElimina
  16. Caro Leon
    l'origine della crisi è certamente ontologica ed esserne consapevoli è fondamentale. La domanda è: perché va in crisi l'ontologia? Per volontà di Dio. Per volontà dell'uomo. Oppure perché nonostante gli sforzi logici filosofici e spirituali il discorso ontologico si fonda su una contraddizione non in grado di opporsi a un paradigma che quella contraddizione ritiene di averla superata? Se il problema ontologico è la causa della crisi, non se ne esce, se non ripensando con profondità il senso di quel discorso, e fin qui siamo d’accordo. Ma riproporre quel discorso senza cercare di scovare gli elementi che ne hanno indebolito il contenuto , e questa e la mia piccola obiezione, credo purtroppo non ci tiri fuori da questo complicata situazione. Tengo a precisare che questo mio rilievo non vuole sminuire il tuo sforzo ermeneutico, anzi e proprio perchè condivido molte delle tue analisi che ho pensato di intervenire con un contributo che solo apparentemente sembra non riguardare la finanza o la fisica.
    Ti ringrazio per la stima e per la risposta e seguirò con attenzione i tuoi approfondimenti.
    Un caro saluto
    pg

    RispondiElimina
  17. Caro Leon,

    condivido il taglio di questo suo intervento. direi che e' stato scavalcato ogni limite di umano buon senso in ogni campo: etico, morale, politico, ecologico... finanziario, monetario....
    Bisogna davvero ritornare a pregare, cioe' bisogna che noi uomini riorientiamo noi stessi, nella direzione della nostra finalizzazione.
    Creatura - Creatore (che per i cristiani e' anche un Padre provvidente).
    La salvezza nn sta' nell'allocare i nostri risparmi a dx o a manca, anche se credo sia necessario che ognuno faccia almeno lo sforzo di evitare di rimanere con il cerino in mano...
    Sono d'accordo che potrebbe anche essere inutile.


    La salvezza dell'uomo sta' nella liturgia come ha detto recentemente il Card. Canizares.

    Ovvero, ci salveremo riappropiandoci della nostra dimensione spirituale ed in fondo eterna.

    E si perche' queste follie sono dovute all'uomo che pensa di avere solo 70 anni di vita, e dunque avendo perduto la dimensione vera del tempo che si apre all'eternita' e' libero di fare ogni cosa. (ha poco tempo e dunque..... tutto diviene lecito pur di raggiungere lo scopo).
    Forse la causa prima di tutto sta' nella perdita' della dimensione di eternita'.......

    Mi permetto di dissentire sullo sguardo....
    Medjugorie nn e' un capitolo chiuso. E' stata recentemente convocata una commissione di indagine guidata dal Card. Ruini. Nella diocesi di Monstar, vi e' da decenni uno stato di scisma reale guidato dai frati che nn obbediscono al Vescovo. Alcuni sono stati ridotti allo stato laicale da Benedetto XVI.
    I vescovi del luogo da 30 anni a questa parte hanno una visione negativa. L'attuale vescovo ha firmato la prefazione al libro (negativo sulla vicenda) del vaticanista della Stampa.

    Guardiamo alla Vergine come ns. Madre premurosa, ma invochiamola la' dove la Chiesa ha gia' espresso la sua posizione affermativa.

    Avremo cmq l'imbarazzo della scelta, in linea con le ns. sensibilita' particolari. Lourdes, Rue du Bac a Parigi con la medaglia miracolosa, o anche il santuario piu' dimesso dietro casa nostra..........

    Cordialmente

    CC

    RispondiElimina
  18. Leon
    Sei sicuramente un grande.
    Quello che trovo personalmente un peccato è la frenetica ricerca del ponte economia-religione.
    Lasci stare, faccia quello che sa fare meglio (non il predicatore).
    D'altro canto se questo è il prezzo per leggerla.... lo pagheremo. Altri siti hanno la pubblicità, lei il marketing religioso.
    :)

    Svizzerotto saluta

    RispondiElimina
  19. Per errore ho cancellato alcuni messaggi, ma questa volta sono sicuro di aver premuto bene. A questo punto, malgrado io non sia particolarmente furbo, credo che il problema non dipenda da me. Vi chiedo scusa..erano interventi veramente belli.
    Per CC, condivido tutto tranne ovviamente la parte su Medjugorjie. Ci accorgeremo presto della veradicità delle apparizioni della Gospa.

    RispondiElimina
  20. Caro Leon,
    sono, ovviamente, d'accordo con te in merito a quanto scrivi e, chiaramente, condivido pienamente le tue posizioni (che sono anche le mie). Sono convinto che quanto stai facendo darà "frutti a suo tempo".
    Aggiungo soltanto che più rifletto sui fondamenti della Matematica (su cui poggiano tutte le scienze e che pur sempre resta intrinsecamente potenzialmente contraddittoria, vedi Goedel) più la ragione mi convince di quale "colpa" abbiano oggi molti uomini di scienza (povera, cara scienza!) che con presunzione diffondono e confondono convinzioni e risultati, posizioni morali personali con definizioni assiomatiche, postulati arbitrari (anche la scienza ha i suoi "dogmi"!) e verità assolute. A chi giova ciò? (A noi forse il sospetto è venuto!) A presto

    RispondiElimina
  21. Caro Pasquale,
    parole forti e chiare.
    Con affetto

    RispondiElimina
  22. Caro Leon,
    ho cercato anche io di limitarmi a dei fatti.
    Credo che in assenza di certezze la prudenza ci spinga a evitare di prendere posizioni.
    Tutto qui.
    Per il resto rimango con quello che Benedetto XVI ha detto a Fatima, cioe' che sono fuori strada coloro che ritengono che tali messaggi appartengano al passato. Essi hanno ancora un divenire...
    E penso un divenire... sino alla Vittoria.
    A volte prego e chiedo di poterla vedere... un giorno. A volte penso anche di essere un incosciente..... perche' bisognera' attraversare di tutto.
    Cmq concordo con lei, l'economia - la scienza e la matematica sono avvolti da un mistero ben piu' ampio, che li spiegano ancora meglio.
    NN rinunci mai a tentare di far capire questi concetti.

    Una buona giornata....

    CC

    RispondiElimina
  23. Attenzione, APPROVATO: articolo 50-bis/Repressione di attività di apologia o istigazione. .. COMPIUTA A MEZZO INTERNET”.
    Comunicato Alba Magica news albamagica@iol.it June 16, 2010 at 3:25pm

    Oggetto: NESSUN TELEGIORNALE HA AVUTO IL PERMESSO DI DIFFONDERE QUESTA NOTIZIA. diffondere su tutta la rete, questa allarmante notizia-Condividi
    “Attenzione, APPROVATO: articolo 50-bis/Repressione di attività di apologia o istigazione. .. COMPIUTA A MEZZO INTERNET”.
    Ieri il Senato ha approvato il cosiddetto pacchetto sicurezza (D.d..L. 733) tra gli altri con un emendamento del senatore Gianpiero D’Alia (UDC) identificato dall’articolo 50-bis: “Repressione di attività di apologia o istigazione a delinquere compiuta a mezzo internet”; la prossima settimana il testo approderà alla Camera come articolo nr. 60. Questo senatore NON fa neanche parte della maggioranza al Governo… il che la dice lunga sulle alleanze trasversali del disegno

    RispondiElimina
  24. seconda bolla immobiliare in arrivo dagli USA sul primo binarioooooo!....la gente non paga piu' il mutuo e spende in consumi come buon americano comanda, tutto come da ruolino di marcia.
    Stiamo imboccando la galleria ARM...

    RispondiElimina
  25. risvegliarsi dal sonno dello spirito e resistere!
    F. Colafemmina
    http://fidesetforma.blogspot.com/2010/06/risvegliamoci-e-resistiamo-al-brutto-e.html

    Card. Caffarra: l'uomo, mai a rischio come oggi
    http://www.totustuus.it/modules.php?name=News&file=article&sid=3459

    Politica gnostica
    http://www.kattoliko.it/leggendanera/modules.php?name=News&file=print&sid=2028

    Il totalitarismo laicista
    http://www.rassegnastampa-totustuus.it/modules.php?name=News&file=print&sid=947

    Stati Uniti e Israele preparano
    l’attacco all'Iran
    http://www.fattisentire.org/modules.php?name=News&file=article&sid=3419

    m

    RispondiElimina