mercoledì 9 giugno 2010

IL RITO PAGANO

Chi crede che il giorno fondamentale per la Repubblica Italiana sia la festa del 2 Giugno oppure l’anniversario della Liberazione del 25 Aprile è in clamoroso errore. Il rito sacro per eccellenza è il 31 Maggio, quando il Governatore di Banca Italia Mario Draghi tiene l’assemblea annuale di Palazzo Koch.
Tutti i maggiori notabili del potere economico e politico sono accorsi ad ascoltare in religioso silenzio le parole del sommo, pronti a scattare con scroscianti (nei limiti del rigore che si respirava) applausi ai profondi quanto nobili concetti espressi.
D’altro canto il Governatore merita tutto il rispetto possibile per la sua inconfutabile capacità di preveggenza. Tutte le previsioni che ha espresso si sono sempre prontamente avverate (..anche se all’incontrario); in altre parole il sommo oracolo, sfidando qualsivoglia legge della probabilità, non ne ha azzeccato neanche una.

Nel 2006 aveva affermato che era necessario che vi fosse“la massima autonomia operativa dei fondi speculativi”. Nel 2007 aveva esaltato i prodotti derivati “che consentendo di scomporre e valutare il rischio di credito, contribuiscono ad innalzare la produttività del sistema finanziario”. Peccato che pochi mesi dopo scoppiò la grande crisi (originata dalla proliferazione dei tanto amati derivati) di cui Draghi aveva avuto contezza come un ubriaco vede un lampione con la luce spenta.
L’anno scorso, non contento dei pali in faccia, aveva vaticinato che “le tensioni sui mercati finanziari si sono allentate”. Tutto quanto condito con le solite espressioni della forza del sistema Euro e della sua intrinseca stabilità.
Quest’anno il Governatore si è limitato nei voli pindarici parlando genericamente di rigore, equità e competitività esprimendo concetti illuminati e saggi. In particolare con vigore molto british ha attaccato gli evasori fiscali perché causa di macelleria sociale. Faccio fatica a solidarizzare con gli evasori, ma una predica che viene dal pulpito di chi ha lavorato per Goldman Sachs (non proprio una società pregnante di amore solidale) mi suona stonata come la mia voce sotto la doccia.
Credo di aver capito la differenza tra la Matematica e l’Economia. In Matematica uno che si distingue in affermazioni sempre sbagliate cessa di avere qualsivoglia credibilità; in Economia viene viceversa promosso Governatore della Banca d’Italia e finanche capo del Financial Stability Board che deve risolvere la crisi mondiale.
Capisco che i piromani, dopo aver contribuito ad appiccare l’incendio (il fuoco sempre più violento ha come causa la deregolamentazione e la proliferazione dei prodotti derivati), tendano a minimizzare le proprie responsabilità; ma mi sembra esagerato che si vogliano addirittura travestirsi da pompieri per spegnere le fiamme (magari gettando benzina).

10 commenti:

  1. Se vuoi avere successo in finanza l'importante è spararla grossa.Ormai sembrano i piu' intelligenti ed osannati...delle vere divinità prosopopaiche che sparano Fantamiliardi a destra e sinistra ...che un giorno ü colpa di questo un giorno di quell'altro...mai la loro perchè loro prevedono tutto e tutti...Ridicoli!Ormai sentendo questi quattro pseudo gove che? mi sembra di sentire i dicorsi degli ubriachi...Parlando del niente tirano fuori infinite avventure...Alla fine credo che si risveglieranno con un forte malditesta...Peccato che noi saremo in un mare di guai...Anzi a dir la verità lo siamo già.Vallo a spiegare alle persone che la finanza ormai si esprime in numeri che vanno al di là del valore di ogni cosa esistente sul pianeta terra...Ah già loro preferiscono la favola della ripresa raccontata dai loro filantropi che mentre predicano li borseggiano...Dormite sonni Sereni e Tranquilli che tanto domani è già buona se ti laceranno le mutande..

    Ain

    RispondiElimina
  2. il buon draghi è in compagnia dell'azzecacarbugli tremonti...o no caro cigno?
    il tremonti camaleonte oltre ad essere incompetente.e presuntuoso.è il top del cazzettismo...l'altra sera ad anno zero citava spesso i poveri cristi...a cui secondo lui la manovra darà un aiutino....

    RispondiElimina
  3. ..su questo non concordo. Tremonti è ben diverso da Draghi.

    RispondiElimina
  4. Scusate per errore ho cancellato 5 commenti, un paio veramente interessanti.

    RispondiElimina
  5. situazione spagna definita gravissima, le banche europee hanno titoli per 2,6 trilioni di dollari(.....ahahah che ridere le nostre manovrine da 26 miliardi o quelle 'serie' da cento)che probabilmente non saranno mai restituiti.
    Ci stiamo avvicinando al capolinea ed i freni sono rotti.
    Visto che la situazione è generalizzata, ho l'impressione che l'europa, prima o dopo, sara' interessata da un clima di violenza mai visto prima.
    Non possiamo neanche dire sara' come l'argentina in quanto non ci sara' piu' nessuno in grado di aiutare nessuno.
    Probabilmente, visto che le strutture degli scambi commerciali salteranno ed il denaro non avra' piu' nessun senso, i meglio armati partiranno all'assalto dei peggio armati, i quali, in genere, sono i detentori delle vere risorse necessarie all'uomo per sopravvivere, che non sono sicuramente depositi di euro o dollari e nenche di oro...Che il caos sia con voi!

    gianpi

    RispondiElimina
  6. Caro Leon,

    Il sito Leap 2020 che da anni ha avuto una certa visione realistica delle cose, diverge da lei nettamente sulla visione dell'euro, che x loro uscira' rafforzato.
    brevemente mi potrebbe far capire xche' a rrivano ad una visione di questo tipo, e in cosa sbagliano.

    Grazie

    CC

    RispondiElimina
  7. questa volta concordo con Lei: il Governatore ha ben poco titolo nel rappresentare il Financial Stability Board ma non mi meraviglio dei pompieri ex incendiari perche' i giocatori in questa partita , almeno quelli che contano, son sempre gli stessi: autori del disastro salvatori dell'economia perlomeno degli interessi di rilievo che li muovono.
    Il gioco pare comunque al capolinea.

    RispondiElimina
  8. Continua la caccia all'untore: non si sa bene come ma se c'è la peste deve esserci un untore, anzi è proprio perchè non si capisce bene le cause che viene da pensare che... ci sia qualche "piromane" che innesca gli incendi e con quali strumenti? i famigerati derivati! arma del demonio per distruggere le sorti progressive di un benessere sempre più opulento: ma forse non è così e basterebbe riflettere un po' con indipendenza di guidizio e cognizione di causa per accorgersene.

    Prendi il più bistrattato dei contratti di questo tipo, il CDS: come tutti sanno si tratta di due soggetti (e non sono pensionati o casalinghe) che si accordano l'uno per vendere protezione in caso di un certo evento convenuto (default), l'altro per acquistarla dietro il pagamento di un premio, ma non è ques'ultimo a causare il default, lui lo ritiene solo probabile, semmai lo sono quei governi che si indebitano oltre le proprie possibilità! i governi meno onesti, siccome non si sono accontentati di razziare i propri cittadini con le tasse, hanno pensato (male) di farsi anticipare ulteriori fortune da sperperare e ora che nessuno gli fa più credito hanno avuto l'impudenza di costringere la propria banca centrale a comprarglieli al prezzo che gli comoda, ovviamente con soldi freschi di stampa (in europa, come in UK e in USA).

    La speculazione, orrore! ci sono degli odiosi uomini grigi che vendono (allo scoperto) quando ritengono che un prezzo sia troppo alto. Sciagurati, non lo sanno che i prezzi (delle azioni, obbligazioni, case, tutto quanto) devono solo salire? Come si permettono di dubitare della sensatezza economica di Dubai World e di tutte le altre cattadrali nel deserto? aboliamo le vendite allo scoperto, anzi perchè non abolire le vendite tout court, infatti nessun buon investitore dovrebbe dubitare che qualsiasi investimento cresca indefinitamente (ne erano convinti anche i proprietari di case in USA).

    Curare i sintomi perchè non si capisce il male: aspirina per la polmonite.

    Vale!

    RispondiElimina
  9. caro leon , trattandosi di due " bilderbergers " io credo che la differenza tra draghi e tremonti sia che appartengono ad ali contrapposte ... della stessa cricca..:-)

    in quanto ai "fanatici piromani" dobbiamo partire dall' idea che costoro siano tuttaltro che degli imbecilli ...

    quindi c'e' un " progetto" a cui collaborano tutti per la loro personale convenienza nei limiti in cui ne sono edotti .

    e alloro mentre e' facile capire il cinico " " ardore" di certi burattini dai giavazzi ai draghi ... i " superiori" che li manovrano stando piu in alto e totalmente nell' ombra devono avere motivazioni piu " alte" .

    E solo una " religione" e' piu alta dell' " interesse" . C' e' quindi un qualcosa laggiu' di cui presto vedremo " l' apocalisse"
    ws

    RispondiElimina
  10. Caro CC,
    l'Euro sopravviverebbe se il Dollaro crollasse prima. Personalmente (ma ovviamente è un'opinione) non credo che gli USA consentiranno ciò.

    RispondiElimina